Home
Chi siamo
Prenotazioni
Informazioni
Dicono di noi
Fotografie
Cielo Del Mese
Meteo
Inq. luminoso
Astro Test
Fasi Lunari
Lune di Giove
Il Sole oggi
Statuto
Vecchie News
Links
          Scrivici
:
  info@cielidolomitici.it


CLIMBERS OF THE SKY



Web Master:

Andrea De Nardin

andrasy94@gmail.com

 

 

 

 


 

 

 



ALLA SCOPERTA DELLE COSTELLAZIONI AUTUNNALI

“Cieli Dolomitici”, in collaborazione con l’Associazione Pro Loco di Rivamonte, organizza una serata dedicata all’osservazione del cielo autunnale. L’appuntamento è calendarizzato per venerdì 6 novembre alle 20.00 presso il campo sportivo di Rivamonte. In caso di meteo avverso la serata è spostata al giorno seguente, sabato 7 novembre. Saranno numerosi gli strumenti messi a disposizione degli intervenuti, che potranno fare un meraviglioso viaggio tra stelle e oggetti celesti di tutti i tipi. Inutile dire che l’appuntamento è di quelli da non perdere.



28 SETTEMBRE, ECLISSE  TOTALE  DI  LUNA 

Nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 settembre avrà luogo un eclisse totale di Luna. Il fenomeno mancava dai nostri cieli da oltre 4 anni e per riosservarlo bisognerà attendere quasi tre anni. Trascurando le fasi di penombra, davvero poco significanti, indichiamo di seguito gli orari delle fasi più spettacolari:

Ore 3.08: ingresso dell’ombra terrestre sul disco lunare
Ore 4.11: inizio della totalità
Ore 4.47: massimo della totalità
Ore 5.25: fine della totalità
Ore 6.28: uscita della Luna dall’ombra della Terra

Invitiamo quanti assisteranno all’eclisse ad inviarci eventuali immagini o anche solo testimonianze all’indirizzo di posta elettronica info@cielidolomitici.it
Nell’immagine la simulazione di tutte le fasi principali dell’eclisse. Il cerchio più interno rappresenta l’ombra della Terra mentre quello più esterno la penombra.





SASSI  DA ALTRI MONDI

Sabato primo agosto alle ore 17.00, presso la sede della Scuola d’Ambiente di Barcis (PN) in Piazzale della Vittoria numero 1,  verrà inaugurata una mostra denominata “Sassi da altri mondi”, dedicata ad interessantissimi campioni di Meteoriti provenienti per l’occasione da alcune collezioni private tra cui la collezione didattica dell’Associazione “Meteoriti Italia”.
Il pezzo forte della mostra, elemento cardine attorno cui la mostra stessa è stata organizzata, è sicuramente la Meteorite di Barcis, che appartiene alla collezione dell’Istituto Minerario “U.Follador” di Agordo. La mostra sarà aperta tutti i giorni da sabato 1 agosto a martedì 15 settembre con orario 10.30-12.30-  15.00-18.00. L’ingresso è gratuito.
La storia della meteorite di Barcis, portata in Agordino da Umberto Brancaleone di Taibon, è stata raccontata qualche anno fa nel nostro giornalino (vedi Cieli Dolomitici numero 10).

In allegato il manifesto. Clicca qui.

 


 

LE  PERSEIDI  DAL  RIFUGIO  BOTTARI

Lunedì 10 agosto, al Rif. Bottari, si terrà l’ormai tradizionale serata legata alle “stelle cadenti” più famose del cielo, le Perseidi. L’appuntamento è organizzato dal CAI di Oderzo con la nostra collaborazione.  La serata inizierà alle 19.00 con la cena allietata da musica dal vivo e continuerà con l’osservazione del cielo. Per quanti volessero partecipare alla cena il costo è fissato in 20.00 € tutto compreso. E’ necessario però prenotarsi telefonando allo0437-599200 . Non serve prenotazione per chi vuole salire solo per l’osservazione.
Il ritrovo per raggiungere a piedi il rifugio assieme a noi (un oretta scarsa di cammino) è previsto a Molino di Falcade alle 17.30. Portarsi una pila (meglio se frontale) per il rientro. Maggiori info al 346 0126286 .

In allegato il manifesto. Clicca qui.

 


 

IL  CIELO  ESTIVO  DAI  2000  METRI  DI  PASSO  GIAU

Ti invitiamo a  “A SKY FULL OF STARS (SUMMER 2015)” (vedi immagine allegata).

La serata è ufficialmente confermata per sabato 11 luglio.

Il programma:
ore 18.40 ritrovo a Fedare, sotto Passo Giau (lato Selva di Cadore), nei pressi della seggiovia per Forcella Nuvolau e partenza per la Sella del Pore, raggiungibile con una facile passeggiata di tre quarti d’ora. Giunti a destinazione faremo uno spuntino aspettando di ammirare un tramonto d’alta quota.In seguito rientro a fedare e spostamento presso il piazzale dell’ex Rif. Enrosadira per osservare il cielo stellato estivo grazie ad alcuni notevoli strumenti dell’Associazione.
Ulteriori info al 3493278611

Cosa portare con sé:

  • la pila frontale
  • calzature adatte a una passeggiata su sentiero di montagna
  • abbigliamento adeguato alla quota (potrebbe fare freddo, quindi portarsi quanto serve per coprirsi per bene).
  • l’occorrente per un frugale pic nic
  • la voglia di sognare ;-)

 

 


 

 

Falcade 27/8/2014 ore 6.10. Un incredibile e vistosissimo fascio di luce si alza in cielo da dietro il Civetta.  A quell'ora il Sole non era ancora sorto ma si trovava 3 gradi sotto l'orizzonte. Quel fascio arriva quindi da sotto l'orizzonte e filtra incredibilmente tra le tante nubi presenti. Si tratta di raggi crepuscolari, che si vedono solo in certe circostanze quando il Sole sta per sorgere o è appena tramontato. Solitamente il fenomeno si presenta con dei  fasci molto più stretti e molto meno evidenti, disposti a raggiera. In questo caso invece il fascio è largo ed evidentissimo (ce n'è poi un altro più sottile a sinistra). Davvero un grande spettacolo raro e incredibilmente suggestivo.  (Foto Antonella Follador).


FORO  EQUINOZIALE  TRA  LE  TORRI  DEL CIVETTA 

Ad annunciare l’inizio della primavera (e dell’autunno) ad Alleghe, ci pensano i raggi del Sole passando attraverso un paio di fori presenti tra la Torre d’Alleghe e la Torre di Valgrande, due stupendi pilastri rocciosi che fanno da satellite all’imponente Monte Civetta. Fu nell’ormai lontano 1948 che Giuseppe De Toni, guardano le montagne dalla sua abitazione ubicata nei pressi del Lungolago, si accorse del bellissimo fenomeno. La notizia è però divenuta di dominio pubblico solo lo scorso autunno, grazie alla nota trasmissione “Voci di valle”, in onda su Telebelluno. Così alcuni giorni fa una piccola folla si è radunata per ammirare lo spettacolo davvero suggestivo e finora rimasto appannaggio di pochi. In questa occasione il foro più piccolo, che garantisce il maggior effetto, era ostruito dalla tanta neve caduta e la luce è fuoriuscita solo dal foro più grande.  

Per osservare il raggio equinoziale basta spostarsi attraverso la strada che costeggia il Lago di Alleghe sotto il centro del paese (il Lungolago) nelle prime ore della mattinata del giorno in cui si verifica l’equinozio primaverile o autunnale (ma anche il giorno prima e il giorno dopo). In quei momenti il Sole è posizionato sull’equatore celeste, la proiezione in cielo di quello terrestre. Intorno al 21 marzo sta risalendo lungo l’eclittica, passando dall’emisfero australe a quello boreale. Il contrario avviene intorno al 21 settembre. Per coincidenza, visto dal Lungolago di Alleghe, proprio quando si trova in quella importante posizione, il suo movimento apparente lo porta ad affacciarsi attraverso i buchi al confine tra le due famose torri del Civetta regalandoci un momento di emozione e annunciando il cambio di stagione.

La prossima occasione per ammirare il raggio equinoziale è programmata per l’inizio dell’autunno. Intorno al  22 settembre e non prendete impegni…

Allegate, due foto di Claudio Pra scattate il 20 marzo, proprio nel giorno dell’equinozio primaverile. 

Nell’ immagine 1 il foro appena prima del passaggio del sole (a sinistra). A destra  il momento fatidico.

Nell’immagine 2a campo più ampio il raggio equinoziale tra la Torre d’Alleghe e la Torre di Valgrande.


 

Racconto di Claudio Pra:

21 agosto, ore 20.00. Mi trovo sulla cima del Civetta. L’ho raggiunta nel primissimo pomeriggio percorrendo la lunga e impegnativa ferrata “Alleghesi”. Dopo aver lungamente osservato l’incredibile panorama sconfinato, sono sceso al sottostante Rifugio Torrani (posto  a una quarantina di minuti dalla vetta). Dopo aver mangiato qualcosa sono però tornato nuovamente in cima, ben coperto per il freddo decisamente pungente, per ammirare un tramonto d’alta quota. Verso est c’è un po’ di foschia ed è proprio da lì che poco dopo le 20.00 sorge la Luna piena ( il plenilunio si è verificato solo poche ore prima). Stupisce il suo colore rosaceo, variante del rosso che solitamente la contraddistingue quando la sua luce viene filtrata dai densissimi strati di atmosfera presenti all’orizzonte. Dalla parte opposta, a ovest, un Sole color arancio è ormai prossimo ad abbandonare la scena. Che magnifico spettacolo di colori e sensazioni! E che particolarità poter vedere in contemporanea il tramonto del Sole e la levata della Luna. Provo una foto per immortalare il momento. Essendo i due corpi posti a 170° l’uno dall’altro, uso qualcosa di appropriato per coprire quel vastissimo angolo; la mia piccola e compatta Sony Cyber-shot DSC-HX20V con  funzione "panorama in movimento wide". A me non resta che regolare la luminosità, unico aggiustamento concessomi da questa fotocamera compatta, e poi riprendo una specie di filmato muovendola dal Sole verso la Luna. Dopo una serie di tentativi andati a vuoto (la fotocamera in quelle condizioni di luce va spesso in tilt..) mi riesce l’ultimo scatto, proprio prima che il Sole si inabissi oltre l’orizzonte,sfiorando la“regina” Marmolada (immagine). L’immagine non è esente da qualche sbavatura ma testimonia un suggestivo e raro spettacolo celeste vissuto da un incredibile osservatorio posto quasi a contatto con il cielo. Qualche ora dopo, all'alba, il Sole sorge dalla parte opposta annunciando un nuovo giorno (immagine).

 


 


 

COMETA LOVEJOY, UNO SPETTACOLO DA NON PERDERE




Da mercoledì 7 gennaio la Luna comincerà a lasciare un piccolo scampolo di buio in primissima serata, che diverrà nelle sere seguenti sempre più ampio. Questa condizione,  insieme al cielo sereno, permetterà di osservare al meglio la cometa Lovejoy, giunta al massimo della sua luminosità. La Lovejoy si potrà percepire a occhio nudo, seppure non ci sia da aspettarsi un oggetto simile alla Hale-Bopp del 1997. Con un piccolo binocolo risulterà certamente bellissima. Come ricordato più sopra sarà già visibile in prima serata e si alzerà sempre più in cielo. La cartina del suo percorso nell’immagine 1 allegata.

 


 

SERATA  OSSERVATIVA DEDICATA  ALLA  COMETA  LOVEJOY

Sperando nel meteo benevolo vi invitiamo a osservare la cometa Lovejoy con gli strumenti dell’Associazione. L’appuntamento è in programma a Cencenighe (presso il parco giochi) martedì 13 gennaio dalle ore 20.00. La Lovejoy ha raggiunto la soglia della visibilità ad occhio nudo, sebbene solo strumentalmente sia possibile ammirarla al meglio. In questi giorni è al massimo della luminosità ed è dunque il momento più opportuno per osservarla. Vi aspettiamo in tanti!

Nell’immagine allegata la cometa ripresa nella serata dell’11 gennaio da Claudio Pra, tramite una fotocamera applicata al fuoco diretto di un telescopio da 20 cm. di apertura.