Home
Chi siamo
Prenotazioni
Informazioni
Dicono di noi
Fotografie
Cielo Del Mese
Meteo
Inq. luminoso
Astro Test
Fasi Lunari
Lune di Giove
Il Sole oggi
Statuto
Vecchie News
Links
          Scrivici
:
  info@cielidolomitici.it


CLIMBERS OF THE SKY



Web Master:

Andrea De Nardin

andrasy94@gmail.com

 

 

 

 

NEWS 2009:

Sul sito dell' Unione Astrofili Italiani (UAI) è disponibile, nella rubrica "Il cielo del mese", la pagina web riguardante dicembre. Moltissimi gli spunti osservativi proposti tra cui l'angolo delle comete, spazio curato da Claudio Pra di Cieli Dolomitici.
Per accedere alla pagina basta collegarsi a http://divulgazione.uai.it/index.php/Archivio_Cielo_del_Mese e poi cliccare sul mese di dicembre. 

 

CIELI DOLOMITICI VI AUGURA BUONE FESTE E FELICE

ANNO NUOVO!

 

Luna in seggiovia!!!

 


 

Dal 20 novembre al 4 dicembre l'Agordino sarà il palcoscenico di una serie di eventi a carattere scientifico nell'ambito di un iniziativa oranizzata dalla Provincia a cui collabora anche la nostra Associazione. Tra gli appuntamenti proposti citiamo quello di venerdì 20 novembre alle 20.30 in Sala Don Tamis ad Agordo, dove è in programma l'evento clou della rassegna che prevede un incontro con l'astronauta Umberto Guidoni, protagonista di ben due missioni spaziali. Naturalmente invitiamo tutti gli Associati a non perdere questa serata che definire interessante è dire poco.
Venerdì 4 dicembre  alle 18.30 in Sala Biblioteca (sotto al Planetario) a S. Tomaso, è programmata una conferenza spettacolo a cura dell'Associazione culturale Luna di Pomeriggio intitolata: La Luna, Galileo e altre storie. Al termine, verso le 19.30, i presenti potranno visitare il Centro Astronomico e assistere alla proiezione di Dreams, i miei sogni ad occhi aperti, immagini del cielo stellato immerso tra le Dolomiti. Alle 20.30 conclusione con un rinfresco aperto a tutti presso l'Osteria La Posta.

 


 

Queste le motivazioni che hanno portato al conferimento a "Cieli Dolomitici" del premio del Circolo Culturale Agordino per la diffusione della cultura nella Vallata Agordina, giunto quest'anno alla dodicesima edizione. Un risultato importante che ci rende orgogliosi e che premia sei anni di costante impegno, stimolandoci a continuare nella nostra "missione".

La consegna del premio avverrà sabato 28 novembre 20.30 in sala Don Tamis ad Agordo. In programma la consegna a Cieli Dolomitici del premio del Circolo Culturale Agordino per la diffusione della cultura nella Vallata Agordina, giunto alla dodicesima edizione. Un premio che ci rende orgogliosi e che vogliamo ritirare insieme a tutti voi.  


 

Martedì 20 ottobre alle 20.30 presso il Planetario di S. Tomaso serata dedicata agli Associati.  

In programma:
 
 la proiezione del DVD Hawaiian starlight
La cima del monte Mauna Kea (4205 m), nelle Hawaii, offre la migliore vista sul cielo dell'emisfero boreale: questo filmato in DVD propone un'esperienza unica di visione delle bellezze dell'universo, in una alternanza di scene naturali riprese di giorno e di notte con sequenze del cielo ricavate direttamente dal telescopio CFHT del Mauna Kea: nessuna immagine è stata generata al computer.
Dopo ben sette anni di accurata lavorazione, questa sinfonia cinematica rivela la spettacolare bellezza del monte Mauna Kea e del suo indissolubile legame con il Cosmo, grazie alla magia offerta dalla tecnica cinematografica del "time-lapse", il tutto accompagnato dal sottofondo musicale composto da Martin O'Donnell e Michael Salvatori.
 
L'osservazione diretta del cielo con il telescopio da 45 cm.  dell'osservatorio di S. Tomaso
Veranno puntati alcuni oggetti visibili in questo periodo. Dai pianeti Giove, Urano e Nettuno ad alcuni famosi oggetti deep-sky.
 
L'appuntamento è di quelli da non mancare.
 
16/10/09: che traffico sull'orizzonte est
All'alba di venerdì 16 ottobre, osservando verso est, erano visibili tre pianeti insieme a una sottilissima falce lunare "ingrandita" dall'essere cinerea (cioè illuminata debolmente anche nella parte scura per effetto del riflesso dei raggi solari deviati dalla Terra verso il nostro satellite). Per poter essere ammirato,  lo splendido quadretto richiedeva la classica "levataccia" dell'astrofilo motivato e un orizzonte orientale libero da ostacoli. Nel gelo di Passo Falzarego, Claudio Pra ha immortalato l' imperdibile incontro visibile appena sopra le Cinque Torri, particolare che rendeva ancora più suggestiva la scena. Non ci sono dubbi; questi fenomeni sono tra i più belli da osservare a occhio nudo oltre che da fotografare. Certo qualche volta, come in questo caso, richiedono qualche piccolo grande sacrificio...

 

 

 

 

 

17 ottobre 2009 giornata nazionale sull’inquinamento luminoso

Tra le tante negatività che la grande crisi globale che stiamo vivendo distribuisce generosamente un po’ a tutti, qualcosa di positivo, a ben guardare, c’è. Ci siamo accorti che stavamo vivendo al di sopra delle nostre possibilità. Non che prima non si capisse, ma di questi tempi lo si comprende molto meglio. Naturalmente il discorso riguarda le nazioni industrializzate, i così detti paesi “ricchi”. Già, anche di sprechi, che ora, come i nodi, vengono al pettine.

Essendo astrofili parliamo di ciò che ci compete e che si collega benissimo a quanto detto sopra. Parliamo dunque per l’ennesima volta della luce eccessiva e mal direzionata che l’uomo moderno produce e che ci costa soldi (molti) e la cancellazione di un patrimonio dell’umanità come il cielo stellato. Se ne sono accorti anche gli amministratori guardando con più attenzione le bollette della luce, non certo accorgendosi della scomparsa delle stelle, e non è stato infrequente sentire sindaci annunciare lo spegnimento dell’illuminazione pubblica o comunque attuare una sua riduzione.


 

Hanno scoperto l’acqua calda! Le cose che gli astrofili predicano da anni a supporto della difesa del cielo stellato vengono ora, per necessità, capite e prese a riferimento. Per restare nel nostro territorio, si è letto che il BIM parla di nuovi impianti meno spreconi e impattanti e della sostituzione di lampadine. L’ex Presidente della Provincia, Sergio Reolon, da noi incalzato nel corso di una trasmissione radiofonica, ha ammesso che abbiamo trasformato i nostri paesini in delle piccole New York senza badare a spese. L’esempio è calzante. Punti luce fuori norma disseminati ovunque senza logica, monumenti e chiese illuminati a giorno in piena notte, così come strade secondarie. Fari installati qua e là con pretese di sicurezza orientati nella peggiore delle maniere. Gli esempi di cattiva illuminazione pubblica e privata si sprecano e potremmo continuare.


 

Ma c’è una grande novità: da agosto il Veneto si è dotato di una nuova legge in materia, la Legge Regionale 7 agosto 2009, n. 17 (BUR n. 65/2009). Ora finalmente c’è quindi una più efficace normativa per il contenimento dell’inquinamento luminoso, il risparmio energetico nell’ illuminazione per esterni e per la tutela dell’ambiente e dell’attività svolta dagli osservatori astronomici. Speriamo che oltre alla legge ci siano anche i controlli però, perché altrimenti i vari articoli si trasformeranno in dei bei intenti e auspichiamo che da subito, per gli impianti nuovi, si tenga conto di essa (i vecchi dovranno essere sostituiti o corretti con una tempistica prefissata).


 

Crediamo che questo sia il momento giusto, forse irripetibile, per riproporre con forza le argomentazioni di chi da anni si batte per la difesa del cielo stellato, contro l’inutile, dannoso e dispendioso modo si illuminare in maniera selvaggia che si è affermato da anni, che non è altro che spreco di risorse e denaro, spesso pubblico. Mettiamo davanti a tutto proprio lo sperpero di denaro. Serve illuminare meno e illuminare meglio utilizzando tutto quel che le moderne tecnologie ci mettono a disposizione e ingegnarsi con idee nuove. Perché ad esempio non pensare a dei timer tarati per spegnere luci che non hanno senso di rimanere accese tutta la notte? Un bel monumento che resta sotto i riflettori alle quattro di notte che senso ha? Così come si potrebbe prevedere lo spegnimento di parte dell’illuminazione pubblica a determinati orari.


 

L’argomento della preservazione del cielo stellato entra dalla porta di servizio purtroppo. Detto amaramente, la massa è sensibile quando gli si tocca il portafoglio e argomentazioni che vertono sulla qualità del cielo scaduta a livelli indecenti non provocano troppe reazioni. Vorrà dire che come astrofili, caso mai succedesse, ci accontenteremo che le stelle tornino visibili “involontariamente”, non per una precisa volontà di recuperare un firmamento all’altezza, ma “solo” per una questione di denaro da risparmiare, che pure è un argomentazione validissima.


 

Nuova legge, tecnologie nuove, nuova mentalità, meno inquinamento luminoso, meno sprechi, un cielo decente... Sarà proprio così? Intanto proviamo a rilanciare le nostre argomentazioni

 

 

 

 

 


 

 

PUNTATA SPECIALE RADIO PIU'

Venerdì 16 ottobre alle 15.05 con replica alle 21.00 gli astrofili tornano in radio per una puntata speciale sull'inquinamento luminoso, in occasione della Giornata Nazionale dedicata a questo problema sottovalutato proclamata per il giorno seguente. La trasmissione, condotta da Claudio Pra dell'Associazione Astrofili Agordini Cieli Dolomitici, proporrà molte interviste tra cui una a Leopoldo Dalla Gassa, Presidente di Venetostellato, l'Associazione più importante in Veneto e probabilmente in Italia nella difesa del cielo stellato. Nell'intervista si toccheranno molti temi tra cui la importantissima nuova Legge Regionale contro l'inquinamento luminoso approvata in agosto.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

PRO LOCO CAVIOLA e ASSOCIAZIONE ASTROFILI AGORDINI

 

CIELI DOLOMITICI”

PRESENTANO:

"ASTEROIDI: DALLE ARMONIE DI UNA DANZA ALL’INCUBO DI UNA CATASTROFE"
 

CONFERENZA DI ALDO VITAGLIANO
 

COLLABORATORE DEL MENSILE ASTRONOMICO COELUM

ESPERTO DI APPLICAZIONI DELL’ INTEGRAZIONE NUMERICA

NELLA MECCANICA CELESTE E NEL CALCOLO DI EFFEMERIDI

 

MARTEDI’ 18 AGOSTO ORE 21.00

SALA DELLA GIOVENTU’ A CAVIOLA


Giovedì 20 agosto ore 20.30 ad Agordo, presso la Sala "Don Tamis" della Comunità Montana Agordina, nel corso della terza serata de La Torresella 2009, 15ma edizione Rassegna Nazionale Diaporama Multivisione, Claudio Pra presenterà "Dreams, i miei sogni ad occhi aperti", proiezione accompagnata da musica di atmosfera con immagini del cielo stellato immerso nello scenario dolomitico.


 

6 GIUGNO: CONFERENZA DI IVO SAVIANE

L’ Associazione Astrofili Agordini “Cieli Dolomitici” organizza per Sabato 6 giugno alle 20.30, presso la Sala della biblioteca di Agordo, una conferenza con proiezioni tenuta dall’astronomo Ivo Saviane, responsabile per conto dell’ESO (European Southern Observatory) delle operazioni scientifiche presso l’osservatorio de La Silla in Cile.

Titolo della conferenza:

L’osservazione astronomica nell’era dei telescopi, da Galileo fino al VLT ( Very Large Telescope ) e ELT ( Extremely Large Telescope ).

 

Per tetto un cielo di stelle:

Cieli Dolomitici a Radio Più

 

in onda tutti i venerdì alle 15.05 con replica alle 21.00

Riascolta la prima puntata (14 maggio)

Per tetto un cielo di stelle, l’astrofilo, il suo mondo, l’universo da esplorare.

La trasmissione avrà cadenza quindicinale e sono previste delle repliche. 

Conduttore del programma è Claudio Pra che si avvarrà della collaborazione di altri Associati.

Lo spirito della trasmissione, costruita in modo da essere alla portata anche dei non addetti ai lavori,  è quello di far conoscere al pubblico la nostra splendida passione e cosa ci attira irresistibilmente lassù in cielo. Sarà anche l’occasione per far conoscere meglio l’Associazione e il planetario di S. Tomaso.

Naturalmente si parlerà, oltre che di astrofilia, anche di astronomia e non mancheranno ospiti anche importanti.

La trasmissione si può ascoltare anche via internet collegandosi al sito

www.radiopiu.it


Serata osservativa a Belluno

Mercoledì 6 maggio siamo scesi a Belluno, invitati da un istituto scolastico, per proporre una serata osservativa dedicata a due oggetti luminosi e facili quali Luna e Saturno. Chiaramente il cielo di Belluno, dato l’inquinamento luminoso presente, non permette di osservare molti altri oggetti. Buona, anche se non eclatante, la partecipazione, probabilmente anche per la concomitanza con un concerto nel capoluogo della nota e datata band della Premiata Forneria Marconi. Si è interessata all’evento anche Telebelluno che ha girato alcune riprese e ha intervistato due responsabili di Cieli Dolomitici.


LA METEORITE DI BARCIS SU COELUM

E’ con grandissima soddisfazione che possiamo comunicare la notizia della pubblicazione di un articolo a firma di Tomaso Avoscan sul numero di marzo della rivista astronomica nazionale Coelum, in edicola in questi giorni.

Ricorderete la vicenda della meteorite di Barcis, rispolverata dal nostro Presidente negli ultimi due numeri del giornalino dell’Associazione. Ebbene, Coelum si è interessato all’articolo domandando di poterlo pubblicare ampliato di fotografie, curiosità e un intervista a Umberto Brancaleone, protagonista di quella vecchia storia. Il lavoro, durato qualche mese, è stato portato avanti da Tomaso Avoscan e da Claudio Pra e infine consegnato al mensile. Quattro le pagine che narrano la vicenda.

In allegato potete trovare la copertina di Coelum di marzo con sottolineato il titolo su Barcis e le quattro pagine riguardanti l’articolo. Naturalmente poterlo leggere direttamente sulla rivista è la cosa migliore, anche perché Coelum è ricca di contenuti e splendide immagini astronomiche nonché spunti e riferimenti per l’osservazione e magari diventerà un abitudine per molti.

Facendo un passo indietro, a dicembre, un articolo dedicato all’osservazione di una cometa, sempre estrapolato dal giornalino dell’Associazione e firmato da Claudio Pra, era già stato pubblicato come editoriale sempre su Coelum, segno della qualità del giornalino rivolto agli Associati.

Claudio Prà


ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE

Venerdì 13 febbraio abbiamo proposto in Sala Luciani ad Agordo, una suggestiva proiezione nel corso di Econcerto 4, musica e scienze nella giornata del risparmio energetico, iniziativa legata a “M’ illumino di meno”. Naturalmente il nostro contributo ha riguardato l’aspetto del cielo stellato rovinato dall’inquinamento luminoso. La proiezione, fatta di immagini impattanti, ha sicuramente colpito i numerosi presenti che alla fine ci hanno tributato un caloroso applauso.   

Venerdì 27 febbraio ad Alleghe,  abbiamo organizzato una serata osservativa incentrata sulla luminosa cometa Lulin (la cometa Lulin ed altre meraviglie celesti). Finalmente il meteo ci è stato favorevole e la limpidezza del cielo ha permesso di far ammirare al pubblico intervenuto anche molti altri famosi oggetti celesti. Abbiamo osservato con il binocolo astronomico, il rifrattore di 8 e 15cm, e il riflettore da 30cm. Astrofili presenti: Alvise, Andrea, Claudio, Vittorio e Tomaso. Riuscita la manifestazione che ha visto la presenza di un centinaio di persone.

   

 


 

 

RISPARMIATI 500 MW, COME 8 MLN LAMPADINE 

 

 


   (ANSA) - ROMA, 13 FEB - Dalla Costiera amalfitana a San 
Pietro a Roma, passando per Westminster a Londra fino alla Cabot 
Tower dell’isola di Terranova. Il buio e’ sceso all’unisono in 
migliaia di comuni italiani e decine di citta’ nel mondo, in 
occasione della quinta campagna internazionale all’insegna del 
risparmio energetico ‘M’illumino di meno’, lanciata dalla 
trasmissione radiofonica Caterpillar di Radiodue. 
   Il black out volontario, alla vigilia del compleanno del 
protocollo di Kyoto che si festeggia lunedi’, vuole dare un 
segnale concreto per fermare la febbre del Pianeta causata dai 
mutamenti climatici.  
  Contando solo l’Italia, Terna alle 18 ha registrato un taglio 
di 500 MW, pari ad un consumo di 8 milioni di lampadine, mentre 
l’anno scorso la riduzione era stata di 400 MW. A girare 
l’interruttore per alcuni minuti sono stati monumenti, piazze, 
palazzi: Colosseo, Pantheon, Fontana di Trevi, le facciate del 
Quirinale, del Senato e della Camera, del ministero 
dell’Ambiente, dello Sviluppo economico, della Giustizia e della 
Farnesina, oltre a basilica di Superga e Mole Antonelliana a 
Torino, piazza San Marco a Venezia, Palazzo Vecchio a Firenze, 
il Maschio Angioino a Napoli, piazza Maggiore a Bologna, il 
Duomo e piazza della Scala a Milano, il castello del 
Buonconsiglio a Trento. 
   Per la prima volta si e’ spenta la cupola di San Pietro, 
insieme alla Basilica di Assisi e a quella di Loreto. Oltre a 
tutte le ambasciate italiane all’estero, il black out volontario 
ha interessato anche le sedi del parlamento europeo a Bruxelles 
e a Strasburgo, Westminster a Londra, e le sedi del Parlamento 
in Grecia, Bulgaria, Slovenia e Lituania. Dalla Costa azzurra 
con Mougins (paese sopra Cannes) e le piazze delle cittadine 
della Provenza in Francia, fino alle strade di Sidone in Libano, 
il tam tam energetico e’ arrivato in Grecia, Spagna, Germania, 
Romania, Lettonia, ma anche a Malta e Cipro.  

 

Continua...
  


NEBULOSA DI ORIONE

Canon, 30 sec a 800 ISO.

 

Foto: Fausto Mella


 

Tramonto dal passo Giau (2236 m)

Foto di Andrea Cibien


Foto della galassia di Andromeda e del doppio ammasso del Perseo scattate con macchina digitale reflex Nikon D40 applicata al telescopio Skywatcher 120mm.

Foto Matteo Floridia e Cibien Andrea

 

 

 

Domenica sera verso le 21.00, indirizzando lo sguardo verso nordovest, si potrà ammirare uno splendido incontro celeste: una sottilissima falcetta di Luna sarà infatti posizionata tra il pianeta Mercurio (appena sotto) e l'arcinoto ammasso aperto delle Pleiadi, le Sette Sorelle (appena sopra). L'incontro è davvero molto suggestivo e va goduto preferibilmente a occhio nudo o con un piccolo binocolo. E' anche l'occasione per scattare qualche foto in un contesto appropriato come non manca dalle nostre parti. Nei giorni seguenti Mercurio si avvicinerà alle Pleiadi fino alla minima distanza di circa un grado e mezzo raggiunta  a fine mese.
A parte la bellezza della congiunzione, è anche l'occasione di ammirare Mercurio, il pianeta più vicino al Sole che di rado si mostra in cielo, quasi sempre nascosto tra le luci abbaglianti della nostra stella. In questa occasione la favorevole inclinazione dell'eclittica (il percorso apparente del Sole durante l'anno che vinene seguito abbastanza fedelmente anche dai pianeti) permette a Mercurio di mostrarsi alla nostra prospetiva ancora abbastanza alto in cielo appena dopo il tramonto, quando con il primo buio comincia a brillare tra i magici colori del crepuscolo.
Le massime elongazioni di Mercurio (la distanza massima raggiunta dal Sole) non coincidono spesso con il suo posizionamento favorevole in cielo come stavolta, ed è per questo che bisogna cogliere il momento giusto per poterlo vedere. Le elongazioni serali più favorevoli sono quelle primaverili mentre per poterlo cogliere a ovest del Sole all'alba in condizioni ottimali bisogna aspettare l'autunno. In ogni caso non sempre l'osservazione sarà così favorita come in questa occasione. Essendo visibile basso sull'orizzonte ovest bisogna chiaramente "procurarsi" un luogo molto aperto in quella direzione che dalle noste valli chiuse significa quasi sicuramente significa dover salire in quota. Ne varrà comunque la pena. Parlola di astrofilo ;-).
Aspettiamo dei vostri commenti (anche solo per dirci che ci avete provato) o delle vostre foto. 

 


CIELI DOLOMITICI ORGANIZZA UNA SERATA OSSERVATIVA SULLA:

COMETA LULIN

ED ALTRE MERAVIGLIE CELESTI

 

 

SERATA DI OSSERVAZIONE CON GLI STRUMENTI DELL’ ASSOCIAZIONE

VENERDI’ 27 FEBBRAIO ORE 20.30

 PARTECIPAZIONE GRATUITA 

SULLA STRADA APPENA OLTRE LO CHALET AL LAGO DI ALLEGHE

 


OSSERVIAMO LA COMETA LULIN

Era oltre un anno che gli amanti delle comete aspettavano un astro luminoso. Infatti, dopo che a fine 2007 la 17/P Holmes diede un grande spettacolo, il 2008 non ha riservato nessun astro chiomato che abbia raggiunto una luminosità tale da rendere l’oggetto molto interessante. Il 2009 invece, si apre con la C/2007 N3 Lulin che nella seconda parte di febbraio, passandoci a “solo” una sessantina di milioni di chilometri, potrebbe rendersi visibile a occhio nudo. La massima luminosità che una cometa raggiungerà si può stimare, ma non è detto che poi le stime corrispondano alla realtà. La Lulin in tutti i casi sarà comunque visibile in un piccolo binocolo, sperando che però ci sorprenda regalandoci un grande show. Nel corso di febbraio si sposterà attraverso le costellazioni di Bilancia, Vergine, Leone e Cancro e se a inizio mese bisognerà alzarsi all’alba per osservarla, con il passare dei giorni la sua levata sarà sempre più anticipata tanto che a fine mese sarà possibile osservarla la sera. Da non perdere il giorno 24, l’incontro prospettico con Saturno. Cometa e pianeta si sfioreranno distando tra loro un paio di gradi.

Sotto  la cartina con il percorso della cometa in febbraio (la posizione di ogni giorno si riferisce alle ore 5.00).


ASSOCIAZIONE ASTROFILI AGORDINI “CIELI DOLOMITICI”

 PRESENTA:

 

CONFERENZA CON PROIEZIONI

SABATO 13 DICEMBRE ORE 20.30

SALA CONSILIARE MUNICIPIO DI CANALE

INGRESSO LIBERO


 

CIELI DOLOMITICI AD AGORDO PER M’ ILLUMINO DI MENO

Per il quinto anno consecutivo Caterpillar, il noto programma di Radio2 in onda tutti i giorni dalle 18 alle 19.30, lancia per il  13 febbraio 2009 M'illumino di meno, una grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico.

Cieli Dolomitici aderisce all’iniziativa proponendo una suggestiva proiezione venerdì 13 febbraio nel corso di ECONCERTO 4, musica e scienze nella giornata del risparmio energetico, in programma alle 20.30 ad Agordo, in Sala Luciani (entrata dietro la chiesa).